Precedente Prossimo

Conclusioni

  • Il software libero Ŕ rispettoso della libertÓ d'insegnamento;
  • Il software libero Ŕ rispettoso della libertÓ di parola, nel settore informatico;
  • Il software libero non discrimina economicamente le persone.




  • Ma solo quando i docenti si saranno riappropriati della libertÓ di scelta e della libertÓ d'insegnamento nelle nuove tecnologie
    potremmo dire di avere una fomazione informatica che si colloca all'interno della cultura galileiana,
    in una scuola aperta e pluralista.


    Mettiamoci al lavoro!
    pagina 15

    "La politica del MIUR e la didattica con il software libero per una scuola aperta, pluralista e formativa" - http://linuxdidattica.org
    Copyright © marzo 2004, Antonio Bernardi.
    Questo documento, o parte di esso può essere riprodotto e distribuito con qualunque
    mezzo, fisico o elettronico, purché sia accompagnato da questo copyright e da questa licenza.